La sera del 1° Novembre

1 novembreLa sera del 1 novembre è tradizione a Palermo fare "u cannistru" (il canestro), cioè un cesto abbastanza grande, pieno di scaccio (frutta secca); quindi noci, nocciole, mandorle e castagne che i nonni defunti “portano” ai nipotini.
Ma quanto esoterismo è contenuto in questo gesto? Osservando questa frutta notiamo che è rivestita da 4 strati ad esempio: nel caso della noce – 1° mallo, 2° valve, 3° episperma 4° gheriglio. Se apriamo una noce notiamo che il gheriglio è la rappresentazione reale e perfetta del cervello, la castagna il cuore, le mandorle i polmoni e le nocciole i reni.
Il n°4 rappresenta la stabilità che il bambino crescendo deve trovare attraverso l’equilibrio (nocciole, reni), e può farlo attraverso la meditazione e respirazione (3° chakra plesso solare, mandorle), l’amore (4° chakra del cuore, castagne) e la saggezza (7° chakra mentale, noci).